Plasmare la previdenza professionale: attraverso il lavoro in qualità di membro del Consiglio di fondazione

Persone che parlano di previdenza professionale

Plasmare la previdenza professionale: attraverso il lavoro in qualità di membro del Consiglio di fondazione

La previdenza professionale non si trova solo in una situazione complicata, bensì è anche interessata da un blocco delle riforme. Le casse pensioni devono quindi assumersi autonomamente la responsabilità affinché le rendite continuino a essere assicurate. Il Consiglio di fondazione si assume questo compito come organo superiore. Ma come si svolge concretamente il suo lavoro? Un colloquio su responsabilità sociale, motivazione personale ed equità generazionale.

In Svizzera le casse pensioni si occupano della previdenza professionale. Le imprese che non hanno una propria cassa pensioni possono affiliarsi a un istituto collettivo, che gestisce una cassa di previdenza propria per ogni impresa e offre diverse soluzioni previdenziali su misura per le esigenze individuali delle aziende. Il Consiglio di fondazione è l’organo superiore della fondazione collettiva, si assume la direzione generale dell’istituzione previdenziale e sorveglia la direzione operativa.
I Consigli di fondazione definiscono gli obiettivi strategici e i principi, determinano l’organizzazione della fondazione e ne assicurano la stabilità finanziaria.

Tanja Siegenthaler (rappresentante dei lavoratori e Vicepresidentessa) e Peter E. Naegeli (rappresentante del datore di lavoro e Presidente) sono attivi da anni nel Consiglio di fondazione della Fondazione collettiva Vita. Entrambi hanno deciso di candidarsi sulla base di una raccomandazione. Lo sapevate che, in linea di principio, ogni assicurato attivo per almeno il 40 percento presso un datore di lavoro affiliato può candidarsi per il Consiglio di fondazione della Fondazione collettiva Vita? Il sistema di milizia svizzero della previdenza professionale prevede che gli assicurati possano partecipare attivamente all’interno della propria cassa pensioni alla definizione di importanti decisioni strategiche e della gamma di prestazioni. Nel 2021 si terranno le elezioni del nuovo Consiglio di fondazione della Fondazione collettiva. Un buon motivo per porre qualche domanda: Cosa fa effettivamente un membro del Consiglio di fondazione?

Come è divenuta/divenuto membro del Consiglio di fondazione della Fondazione collettiva Vita?

Tanja Siegenthaler: Il titolare della nostra azienda riteneva che fossi una candidata adatta. È stato lui a motivarmi a candidarmi per le elezioni del 2008. Purtroppo sono stata eletta solo come candidata sostitutiva. Nel 2011 ricevetti una chiamata nella quale venivo informata che si liberava un seggio nel Consiglio di fondazione. Così verso la fine del mandato in corso sono entrata a far parte della Fondazione collettiva Vita.

Peter E. Naegeli: L’allora CEO di Zurich Svizzera, Hans-Jürg Bernet, mi fece presente nel 2004 che Zurich sostituiva il modello di assicurazione completa nella previdenza professionale con un modello semiautonomo e che aveva fondato la Fondazione collettiva Vita. Si stavano cercando dei candidati rappresentanti dei lavoratori e dei datori di lavoro adatti per il Consiglio di fondazione per andare a sostituire il precedente Consiglio di fondazione in carica dalla costituzione. Hans-Jürg Bernet mi incoraggiò a candidarmi, cosa che feci. Alle elezioni successive fui poi eletto.

Qual è l’attività che svolge all’interno del Consiglio di fondazione?

Tanja Siegenthaler: Prendo molto sul serio la mia carica di membro del Consiglio di fondazione. All’inizio è stato una sorta di salto nel buio. Mi sono gettata con grande slancio nel nuovo compito e ho letto molto sulla previdenza professionale. Inizialmente non è stato facile, perché tante cose erano nuove – ma la sfida mi ha spronata. Ho imparato molto, e oggi capisco le relazioni e il contesto. Il compito è molto interessante: sia la preparazione che le discussioni in seno all’organo – soprattutto perché il tema della previdenza interessa tutti noi. Rappresentare gli interessi degli assicurati in qualità di rappresentante dei lavoratori e porre domande dalla loro prospettiva mi dà una sensazione positiva.

Peter E. Naegeli: Faccio parte del Consiglio di fondazione della Fondazione collettiva Vita da 15 anni e in questo periodo di tempo la mia attività è cambiata molto. A livello simbolico, ciò che ha influito molto per l’intero periodo di tempo è stata la domanda di un ex CEO di Zurich Svizzera: «Tutti i membri del Consiglio di fondazione e i loro Presidenti sono così attivi come voi della Fondazione collettiva Vita?» Il Consiglio di fondazione della Fondazione collettiva Vita ha preso molto sul serio il suo ruolo sin dall’inizio: rappresentare coerentemente gli interessi degli assicurati e perseguire lo scopo della previdenza professionale: garantire una rendita sufficiente al termine della propria vita lavorativa.

Quanto è grande il carico di lavoro all’interno del Consiglio di fondazione della Fondazione collettiva Vita?

Tanja Siegenthaler: In generale studio molto autonomamente e leggo le riviste specializzate. Ovviamente la preparazione delle singole sedute richiede molto tempo. I temi sono vari e complessi e mi servono ogni volta almeno tre ore per crearmi un’opinione fondata. Nella mia quotidianità professionale ho poco a che fare con la previdenza professionale. Per questo motivo i corsi di perfezionamento di mezza giornata o di una giornata intera sono così importanti – ogni anno, inoltre, vengono aggiunti tre giorni supplementari.

Peter E. Naegeli: Il tempo necessario è paragonabile a quello da dedicare all’interno di un Consiglio di amministrazione di una società anonima. Le sedute di una giornata vengono tenute a cadenza trimestrale – talvolta in combinazione con un workshop di formazione. Inoltre, ogni anno si svolge un ritiro di due giorni sulla strategia. A questo si aggiunge il tempo necessario per la preparazione e la lettura della documentazione. Chi è attivo anche in un Comitato, prepara inoltre temi attuali e dossier per la discussione all’interno del Consiglio di fondazione. Si tratta di circa sei-otto giornate di lavoro all’anno. Io, in qualità di Presidente del Consiglio di fondazione, sono impegnato per circa il 10 percento del tempo di lavoro annuale.

Secondo lei, quali requisiti dovrebbe soddisfare un candidato per il Consiglio di fondazione?

Tanja Siegenthaler: È importante avere un grande interesse per la previdenza professionale e la volontà di affrontare il tema e frequentare corsi di perfezionamento. Un candidato deve essere consapevole del fatto che svolgere questa carica richiede tempo. Pertanto ha bisogno del supporto del datore di lavoro, che deve concedergli tale tempo. Nel sistema di milizia non possiamo essere tutti professionisti della LPP, non è questa l’idea. Ma deve esserci la volontà di formarsi costantemente.

Peter E. Naegeli: In primo luogo, un candidato per il Consiglio di fondazione deve essere interessato a svolgere un compito sociale. Deve essere consapevole del suo ruolo di rappresentante del datore di lavoro o dei lavoratori nonché dei compiti centrali della previdenza professionale. Disporre di competenze tecniche nel settore della LPP o del sistema dell’assicurazione sociale è utile, ma non indispensabile. Tante cose si possono imparare.

Quali consigli darebbe a qualcuno che vorrebbe diventare membro del Consiglio di fondazione?

Tanja Siegenthaler: Essere membro del Consiglio di fondazione è un compito molto interessante e importante che richiede molto impegno e disciplina. Un candidato deve essere consapevole della responsabilità e del tempo che questa carica richiede. In qualità di membro del Consiglio di fondazione vale la pena porre domande critiche o anche «semplici» durante le sedute. A volte sono proprio tali domande semplici – oltre alle informazioni tecniche fornite dagli esperti – a dare il giusto input per trovare una soluzione.

Peter E. Naegeli: Chi apprezza il sistema svizzero dei tre pilastri e si impegna a favore della fairness nella previdenza professionale dovrebbe candidarsi come membro del Consiglio di fondazione. La sfida dello sviluppo demografico non può essere vinta dalla politica da sola. Nonostante un significativo stallo delle riforme, l’attuale legislazione offre un raggio d’azione sufficiente per plasmare la previdenza professionale anche nell’interesse delle generazioni future: senza i problemi del passato, come per esempio le perdite di pensionamento di miliardi accumulate in tutta la Svizzera da anni.

Partecipate anche voi!

Siete assicurati presso la Fondazione collettiva Vita e siete interessati alla previdenza professionale? Allora candidatevi per il Consiglio di fondazione.

Ulteriori informazioni

Altri articoli

Carpenter al lavoro

Competitivi grazie a una previdenza più intelligente

Il secondo pilastro comprende tutta una serie di offerte. Prendendo le decisioni giuste, le piccole e medie imprese (PMI), hanno la possibilità di posizionarsi bene sul mercato del lavoro.
Tre generazioni trascorrono una giornata insieme

Storia della previdenza professionale

Escursioni, viaggi, cultura – al giorno d’oggi i pensionati hanno ancora tanti progetti. E questo accade per la prima volta nella storia dell’umanità. Una panoramica dello sviluppo della previdenza professionale.
L'uomo giace sul prato, guarda il cielo e ascolta la musica.

Come risparmiano gli svizzeri

Tutti noi abbiamo dei sogni. Per far sì che i sogni si trasformino in progetti e i progetti in realtà, non servono solo coraggio e determinazione, ma anche una riserva finanziaria.