Acquisire i talenti migliori in qualità di PMI

Acquisire i talenti migliori in qualità di PMI

Qualche volta non avete la sensazione che le grandi aziende si accaparrino i talenti migliori, attirati da ristoranti riservati al personale, palestre e carriere internazionali? Ma anche voi, in qualità di PMI, avete molto da offrire. Grazie a questi consigli potrete diventare ancora più interessanti per i vostri collaboratori e convincere nuovi talenti.

I vostri punti di forza: fiducia e responsabilità

In qualità di piccola o media impresa attirate candidati desiderosi di fornire il proprio contributo e che apprezzano brevi canali formali e gerarchie piatte in un’atmosfera familiare. Un recente studio della Zurich Assicurazioni conferma quello che probabilmente sapete già da tempo: presso le PMI il benessere dei collaboratori ha la massima priorità e si considera molto importante garantire stabilità e affidabilità. Allo stesso tempo le PMI sono spesso più agili delle grandi aziende talvolta complicate.

Mettete in luce questi punti di forza in modo consapevole, ad esempio negli annunci di lavoro o anche durante i colloqui. E sfruttate il potenziale dei vostri collaboratori, per esempio con una giornata dedicata alle innovazioni o un workshop sulla strategia. Eventi di questo tipo non solo permettono a voi di acquisire preziose informazioni, ma motivano anche il vostro team.

Modelli di lavoro: mantenete la flessibilità

Molte PMI offrono già oggi opzioni per scegliere l’orario di lavoro. Alcune organizzano persino il lavoro mobile da casa o fuori sede. Nella maggior parte dei casi si vuole permettere alle mamme prese dalla formazione della famiglia di proseguire l’attività professionale o si mira a tenere in azienda giovani leve di talento durante la formazione sul lavoro. Ma il flexwork offre ancora di più: anche molti papà vorrebbero avere volentieri un giorno libero a settimana per restare con i figli. E per i più anziani il lavoro flessibile può permettere di passare alla pensione in modo graduale. Oppure, al contrario, volete fidelizzare i vostri collaboratori più esperti oltre l’età di pensionamento? Magari sono ancora in forma e abbastanza motivati per venire a lavorare ancora due o tre giorni a settimana. Il flexwork offre quasi opportunità senza fine: per i vostri collaboratori, ma anche per voi in qualità di datore di lavoro. Discutete delle opzioni in modo proattivo con i vostri collaboratori e menzionate la vostra flessibilità negli annunci di lavoro e durante i colloqui. Molti collaboratori non osano manifestare esplicitamente il bisogno di avere maggiore flessibilità. E per questo apprezzano ancora di più se siete voi a proporre l’idea. 

Cassa pensioni: può essere un po’ di più?

Spesso le piccole e medie imprese offrono nella propria cassa pensioni solo il minimo previsto dalla legge. In questo caso potete distinguervi dalla massa: ad esempio quando scegliete il vostro istituto di previdenza, controllate bene la remunerazione. Perché è così che voi e i vostri collaboratori beneficiate di prestazioni di vecchiaia maggiori. Probabilmente anche voi potete assicurare una parte di salario maggiore rispetto a quella prescritta per legge o fare qualcosa di buono per i vostri collaboratori, pagando volontariamente più della metà dei contributi all’istituto di previdenza. Un’altra possibilità consiste nell’assicurare prestazioni di rischio superiori alla media nel vostro modello previdenziale. In questo modo garantite che i vostri collaboratori siano ben tutelati nel caso in cui il destino dovesse effettivamente giocare brutti scherzi. Potete rivendicare i costi aggiuntivi come costi di gestione. In tal caso l’importante è che ne mettiate al corrente anche i vostri collaboratori e che spieghiate loro con chiarezza i vantaggi durante i colloqui relativi al salario. Un sondaggio, commissionato da Zurich all’università di Oxford, rivela che sei lavoratori svizzeri su dieci sono disposti ad accettare un salario più basso in cambio di buone prestazioni sociali. Maggiori informazioni in merito all’indirizzo www.zurich.ch.

Sei lavoratori svizzeri su dieci sono disposti ad accettare un salario più basso in cambio di buone prestazioni sociali.

Prestazioni supplementari: siate creativi

Le grandi aziende attirano i talenti con ampi vantaggi salariali. Ma anche voi, in qualità di PMI, potete aumentare la motivazione e la lealtà grazie ad azioni mirate: sostenete le condizioni di salute dei vostri collaboratori con un contributo forfettario per la palestra nei dintorni della vostra azienda o andate una volta al mese insieme al team al percorsovita. Invece di una mensa potete concordare prezzi speciali con i ristoranti vicini, far consegnare frutta fresca una volta a settimana o investire in una macchina per il caffè veramente buona. E forse anche il vostro rivenditore auto è disposto a far beneficiare dello sconto parco veicoli anche i vostri collaboratori. Anche per quanto riguarda il perfezionamento professionale potete fare più di quanto forse immaginiate: invitate i colleghi di settore da altre regioni per uno scambio di idee e opinioni. Andate insieme a visitare un’azienda che non ha niente a che fare con il vostro settore e che forse proprio per questo può essere fonte d’ispirazione. Oppure andate periodicamente a pranzare insieme al team e usate l’evento per approfondire le conoscenze di una lingua straniera. Si tratta di piccole iniziative che rafforzano la collaborazione e sostengono l’interesse e la motivazione al lavoro. Perché un team felice è il team migliore che ci sia.

Altri articoli

Il flexwork: ecco come funziona

Cinque consigli per far diventare il flexwork un vantaggio per collaboratori e impresa.

Fondazione istituto collettore LPP – una performance di tutto rispetto

Con oltre un milione di conti di libero passaggio, la Fondazione istituto collettore LPP gestisce più della metà di tutti i conti di libero passaggio della Svizzera.

Dai 50 anni in poi il vero tema è la previdenza

Chi desidera godersi il periodo della pensione anche dal punto di vista finanziario, dovrebbe iniziare a pensare, intorno ai 50 anni, a una prima valutazione della situazione e mettere sul banco di prova la propria previdenza.
BackToTop