In cosa differiscono il pilastro 3a e il pilastro 3b?

In cosa differiscono il pilastro 3a e il pilastro 3b?

I pilastri 3a e 3b si distinguono innanzitutto per la tassazione e il livello di libertà offerto.

Il pilastro 3a è detto anche previdenza vincolata. Può essere prelevato solamente in alcuni casi (proprietà d’abitazioni, attività indipendente, emigrazione, riscatto nella cassa pensioni, invalidità totale e decesso) o poco prima dell’età di pensionamento, ma è soggetto ad agevolazioni fiscali. I dipendenti possono versare nel pilastro 3a al massimo CHF 6'883 all’anno, i lavoratori autonomi CHF 34’416 (o al massimo il 20% del reddito netto).

Il pilastro 3b, la previdenza libera, è molto più flessibile. Non è previsto un importo massimo, le prestazioni si possono prelevare in qualsiasi momento e i beneficiari in caso di decesso possono essere scelti liberamente. Tuttavia, il pilastro 3b offre vantaggi fiscali solo in situazioni specifiche.

Grazie alle agevolazioni fiscali, in genere il pilastro 3a è la scelta migliore per la costituzione della previdenza privata. Il pilastro 3b è un’opzione interessante per gli assicurati con un reddito elevato che desiderano raggiungere determinati obiettivi di risparmio o tutelare in modo particolarmente efficace se stessi e i familiari.

Mi­glio­ra­re la previdenza

Consulenza previdenziale per privati

Vale la pena di pianificare per tempo

Sulla base di un’analisi di previdenza individuale, vi mostriamo come pianificare per tempo la vostra previdenza per la vecchiaia e colmare le eventuali lacune. Per guardare con fiducia alla terza fase della vita.